domenica 29 mag

Ravenna, 26 ottobre – La Petrolifera Italo Rumena (PIR), Edison ed Enagás annunciano l’avvio delle operazioni a Ravenna di Depositi Italiani GNL (DIG), il terminale small scale di gas naturale liquefatto (GNL) al servizio della sostenibilità del trasporto pesante e marittimo.

Con l’entrata in esercizio del deposito costiero DIG - partecipato al 51% da PIR, al 30% da Edison e al 19% da Scale Gas del Gruppo Enagás – l’Italia beneficerà di un approvvigionamento stabile e sicuro per il mercato del GNL nei trasporti: una soluzione concreta e disponibile in grado di contribuire da oggi alla decarbonizzazione dei trasporti.

Il deposito, realizzato con un investimento di circa 100 milioni di euro sul territorio, ha una capacità di stoccaggio di 20.000 metri cubi di GNL e una capacità di movimentazione annua di oltre 1 milione di metri cubi di gas liquido, rendendo disponibile il GNL per l’alimentazione di almeno 12.000 camion e fino a 48 traghetti all’anno. Durante il suo esercizio consentirà di evitare l’emissione di 6 milioni di tonnellate di CO2 e di azzerare quelle di particolato e di ossidi di zolfo.

"Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo ambizioso traguardo nella realizzazione della prima infrastruttura strategica di GNL in Italia e particolarmente nel porto di Ravenna, che è la base storica del nostro Gruppo, e di aver intrapreso questa avventura economica con partner importanti come Edison e Scale Gas Solutions del Gruppo Enagás – commenta Guido Ottolenghi, amministratore delegato PIR –. Il deposito DIG rappresenta il primo passo concreto nella direzione della transizione energetica del Paese".

Comunicato Stampa

Rassegna stampa

Servizi pubblicati dalla RAI:

 Leggi tutto: DIG - L'inaugurazioneLeggi tutto: DIG - L'inaugurazioneLeggi tutto: DIG - L'inaugurazione

Alla banchina PIR è stata ormeggiata per la fase di test la prima nave di GNL destinata al nuovo deposito della DIG - Depositi Italiani GNL di cui si prevede la messa in esercizio alla fine del prossimo mese di ottobre.

 

Leggi tutto: DIG - Prima nave GNL

 

Depositi Italiani GNL

Il primo deposito small scale di GNL in Italia


L'Inaugurazione


La Costruzione

 

Il Centenario PIR

24 maggio 2020, La Petrolifera Italo Rumena (PIR) compie 100 anni. 100 anni di persone al vostro servizio.

 

Sulla Punta della Baiona

Documentario sulle origini de La Petrolifera Italo Rumena

 

Ormeggio al pontile PIR interno

 

PIA 10

I primi 10 anni di attività de La Petrolifera Italo Albanese

 

Il trasferimento dei serbatoi di Adriatank al deposito PIR

 

Il Centenario PIR 

La Petrolifera Italo Rumena (PIR) è fiera di annunciare un prestigioso traguardo: domenica 24 maggio 2020 é stato celebrato il centesimo anniversario della fondazione.

L’anniversario arriva in un periodo particolarmente difficile che ha visto l’azienda pienamente operativa anche nel periodo del lockdown. Questo però non ha impedito alla PIR, in conformità con quanto previsto dalle vigenti normative sanitarie, di celebrare il proprio centenario mettendo in atto alcune delle iniziative inizialmente programmate.

Tra tutte, la realizzazione di due video celebrativi "Il Centenario PIR" e "Sulla punta della Baiona", la pubblicazione di un libro dal titolo “Il merito dei padri. Storia de La Petrolifera Italo Rumena, 1920-2020”, pubblicato dalla casa editrice Il Mulino e a breve disponibile nelle librerie, e la realizzazione della mostra fotografica “Il Centenario PIR – 1920-2020” a Marina di Ravenna.

 

Cartella Stampa

dal seguente archive link (603 KB) è possibile scaricare la cartella stampa

 

Il Centenario PIR

Sulla punta della Baiona

Leggi tutto: PIA festeggia i primi 10 anni di attività

Siamo lieti di informare che lunedì 3 giugno 2019 La Petrolifera Italo Albanese ha festeggiato a Valona i primi dieci anni di attività!

 

Leggi tutto: PIA – Operato il primo treno bloccoSiamo felici di informare che il 13 dicembre è stato operato con successo il primo treno blocco presso il terminal PIA a Valona, trasportante petrolio greggio destinato all'export via nave.

Confidiamo che lo sviluppo della modalità ferroviaria migliorerà sensibilmente la sostenibilità ambientale e la sicurezza del trasporto delle merci da / verso il terminal PIA.

Leggi tutto: PIR / SSTC – Decimo anniversarioSiamo lieti di informare che il 3 dicembre 2018 è stato celebrato il decimo anniversario dell’ingresso di PIR nella partecipata tunisina SSTC.

Al fine di assicurare sia ai nostri clienti che ai visitatori del nostro sito un ambiente informatico sicuro e protetto, siamo lieti di informare che i protocolli di trasmissione dati del sito web, dell’Area Clienti e dell’app Easy PIR sono stati aggiornati agli ultimi standard disponibili in termini di sicurezza informatica

Dopo 25 anni di proficua collaborazione, La Petrolifera Italo Rumena SpA (PIR) ha acquistato da Eni il 50% di Petra SpA, divenendone unico azionista.

Petra fu costituita nel 1992 pariteticamente da società di Eni e da PIR e avviò la propria attività nel dicembre 1993 attuando nel corso degli anni, parallelamente all’evoluzione del mercato, una importante razionalizzazione della logistica petrolifera sul porto di Ravenna, che fa ora interamente capo ad un operatore indipendente.

Il Gruppo PIR opera a Ravenna dal 1920 nel settore della logistica portuale ed ha depositi anche a Genova, in Albania e Tunisia. L’acquisizione di Petra consentirà un’integrazione con altre strutture del Gruppo a Ravenna, mentre Eni manterrà l’esistente rapporto commerciale con la società ceduta.

Leggi tutto: PIR sostiene il FAI – Fondo Ambiente ItalianoLa Petrolifera Italo Rumena  - PIR - è orgogliosa di far parte de “I 200 del FAI”, un gruppo di mecenati che, insieme alle loro aziende, sostengono il FAI – Fondo Ambiente Italiano nella missione di tutela, cura e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale italiano.

A fianco della Fondazione fin dal 1987, “I 200 del FAI” contribuiscono a incrementarne il Fondo di ricapitalizzazione e finanziano importanti progetti di restauro ed eventi nazionali.

Anche grazie al contributo de “I 200 del FAI” oggi il FAI tutela 57 Beni, ha oltre 150.000 iscritti e coinvolge milioni di persone in iniziative di conoscenza e salvaguardia dei luoghi più amati d’Italia.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Cliccando su "Ok" acconsenti all’uso dei cookie. Per prendere visione dell’informativa estesa clicca qui.

  Accetto i cookies di questo sito.
EU Cookie Directive Module Information